mercoledì, 19 Giugno, 2019

Dal Mondo

La "Princess Anastasia" del Gruppo Onorato porta in Russia il buon cibo italiano (ma anche contratti equi per i marittimi)
La sostanza non lascia ben sperare sull’evoluzione dei rapporti tra Erdoğan e l’Occidente. Altro che Turchia in Europa.
Torniamo a parlare dell'assurda vicenda che ha coinvolto il britannico Christian James Michel, già assolto in Italia e in Svizzera dall'accusa di aver fatto da intermediario in un caso di supposte tangenti all’AgustaWestland.
L'ingiustificato accanimento delle autorità indiane contro il britannico Christan James Michel - presunto intermediario in un caso di supposte tangenti all'Agusta Westland, già assolto in Italia e in Svizzera - ha subìto una battuta d'arresto.
A tre giorni dal barbaro omicidio del tenente colonnello Arnaud Beltrame, quasi nessuno ha avuto il coraggio di sottolineare un semplice dato di cronaca: l’ufficiale eroe è stato un massone.
In Italia e in Europa nessuno aveva scritto una riga sui Gheddafi leaks che coinvolgevano soprattutto Nicolas Sarkozy e i finanziamenti asseritamente ricevuti dall’ex rais libico per la propria campagna elettorale del 2007.
Ma veramente c’era bisogno di Vladimir Putin per sostenere le balle mediatiche dei Cinque stelle o dei leghisti?

L'ultima Sassata

Politica

ANAS

ANAS, il “grande pasticcio” Mandosi

Dopo il nostro articolo, arriva finalmente un po' di chiarezza sulla vicenda Mandosi. Tuttavia il caos regna ancora sovrano.

Media

Rai: la crisi del TG1, tra le liti Carboni-Bottai e quelle...

Il tronfio direttore del Tg1 Giuseppe Carboni, designato dal M5S (e, dunque, in questi giorni postelettorali particolarmente irrequieto) è talmente impegnato a litigare –...

Scontri sindacali in Rai

Sport

Calcio, volantini razzisti dei tifosi dell’AS Roma (ma per loro niente...

Nella Capitale sono comparsi dei volantini con la scritta "Lazio, Napoli, Israele. Stessi colori. Stesse bandiere. Merde". Ad opera di tifosi dell'AS Roma. Ma contro di loro nessuno fiata.

Inchieste

Incendio a bordo della nave Grimaldi, arrestato il responsabile della sicurezza

Non si ferma l’inchiesta sull’incendio che nella notte tra il 14 ed il 15 maggio scorso ha devastato il cargo della Grimaldi ‘Grande Europa‘, con a bordo quasi 1700 mezzi tra auto, furgoni e camion.