L’Italia subisce di tutto e fa finta di niente. Soltanto grazie ad una dichiarazione del senatore Enrico Aimi (Forza Italia), rilanciata dalla agenzia di stampa Lapresse, si è saputo che ieri i libici ci hanno mollato un ceffone e noi ce li siamo tenuto. E magari domani saremo pure pronti a porgere l’altra guancia.

Alle 17,30 -ha rivelato il parlamentare-  un Hercules C130 italiano proveniente da Pisa e con a bordo 40 militari, è atterrato a Misurata. Ad alcuni dei nostri è stata però negata l’autorizzazione allo sbarco perché sul loro passaporto mancava il visto d’ingresso. Una cosa ridicola, che li ha però costretti a ripartire alla volta del nostro Paese.

Bene, cosa pensate che sia accaduto? Proprio niente. Silenzio da parte della Farnesina, silenzio dalla Difesa, silenzio dallo SMD. E silenzio pure dalle agenzie di stampa, che -come Lapresse- avevano ricevuto la dichiarazione del senatore Aimi.

Bella figura. Ma forse è normale che avvenga. L’Italia non conta più nulla a livello internazionale e quindi tutti si sentono in diritto di trattarci come pezze da piedi. Finanziamo e riforniamo di mezzi la Guardia Costiera libica? Sopportiamo passivamente le invasioni organizzate dagli scafisti protetti dai nostri sedicenti “alleati”?

Ecco i risultati, con l’aggravante che ci vergogniamo pure di questi episodi e cerchiamo di tenerli nascosti. Proprio come avrebbe fatto l’odiato Trump per un oltraggio del genere ai suoi Marines.

CONDIVIDI
Avatar
Nostalgico dei bei tempi andati. Qui si occupa di un po’ di tutto. La sua cifra stilistica è il sarcasmo. Da usare smoderatamente.

2 Commenti

  1. Proseguono anche ad agosto le ormai famose “Pagliate: se come si afferma “alcuni militari” non sono stati fatti entrare in Libia perché sprovvisti di “visto” il problema é che qualcuno non ha seguito le regole.
    Paglia ricorda forse i bei tempi in cui la Libia era una colonia italiana.
    Caro Paglia, provi ad entrare negli USA senza visto. Le regole sono regole.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.