C’è un fantasma che si aggira per i meandri del Ministero della Difesa. Una “stazione appaltante”, cioè un centro di costo, coperto da una sorta di segreto militare. Soltanto pochissimi fidati collaboratori del generale Claudio Graziano ne conoscono l’esistenza e ancora meno sono abilitati a potervi operare.

Tra questi, il colonnello Giuseppe Totaro, 53 anni, il potente “tuttofare” del capo di Stato Maggiore della Difesa, il generalissimo che tra pochi giorni lascerà finalmente l’incarico per andarsi ad insediare a Bruxelles alla guida del Comitato Militare dell’Unione Europea (sic!).

La ministra Elisabetta Trenta dice di non saperne niente. Eppure, essendo il responsabile politico delle nostre Forze Armate, qualcuno dovrebbe averla informata. Se non altro perché il fiume di euro che sgorga da quella “stazione appaltante” è denaro pubblico di cui ha lei tutta intera la responsabilità. E poi: qualcuno dovrà pure aver autorizzato il generale Graziano a crearsi un proprio centro di costo privato, svincolato da tutti gli altri esistenti. O lui è per caso “legibus soluto”?

Ecco, vorremmo saperne di più su questa storia. Soprattutto vorremmo che il generale Graziano e il suo fido colonnello Totaro ci spiegassero l’entità dei fondi in dotazione a questo misterioso centro di costo, per quale tipo di servizi vengono utilizzati e se sia vero o meno che non ci sia alcun obbligo di rendicontarli.

Le “interviste in ginocchio” stile “Porta a Porta” hanno stufato i militari italiani costretti a tirare la cinghia. Se le risposte non arriveranno rapidamente, cominceremo a raccontare  su “Sassate” un po’ di particolari. A cominciare dagli sperperi di denaro pubblico per il faraonico alloggio di servizio di Graziano a Bruxelles: 13.500 euro al mese per appena 900 metri quadrati. A spese dei contribuenti italiani.

CONDIVIDI
Guido Paglia
Classe 1947, romano, è giornalista professionista dal 1973. Ha ricoperto l'incarico di Vicedirettore e Capo della Redazione Romana del Giornale durante la direzione di Indro Montanelli e di Direttore della Comunicazione del Gruppo Cirio-Del Monte e della Lazio Calcio con Sergio Cragnotti. Dal 2002 al 2012 ha lavorato in Rai come Direttore Comunicazione, Relazioni Esterne e Rapporti Istituzionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here