Ha ragione Marcello Veneziani: c’è una nostalgia inconscia dell’uomo forte in Italia. Per questo ha fatto bene il direttore de il Tempo Gianmarco Chiocci a mettere il faccione della Buonanima in una bella foto di prima pagina. Eleggendo il Cavaliere Benito a “uomo dell’anno in Italia”. Ovviamente a sua insaputa.

E questo non solo per prendere in giro il pensiero unico anti fascista che sembra essere l’unico collante di certa sinistra. Ma anche per evidenziare come in un Paese in mano al politically correct si stia ormai sviluppando un irresistibile bisogno di qualcuno che comandi. Non che governi. Perché come diceva saggiamente lo stesso Duce, “tentare di governare gli italiani è inutile”.

Li puoi solo comandare, trasformando il paese in una caserma e amen. Magari una caserma allegra, dove i treni arrivano in orario, ci sono pochi scioperi e possibilmente molti ma molti comunisti in meno.

Naturalmente al netto degli errori storici del passato, come alleanze con Hitler e politicanti anti semiti, leggi razziali e avventurose entrate in guerre mondiali.

Ciò detto però, basta dare un’occhiata al grillismo per capire come ampi strati della popolazione italiana siano alla spasmodica ricerca dell’uomo della provvidenza. E anche della previdenza. Visto che senza di Lui (caro lei) manco l’Inps oggi ci sarebbe.

Il problema è che le tragedie della storia quando si ripetono tendono a farlo come farsa.

E andare dietro smidollati ragazzini presuntuosi alla moda come Luigi Di Maio, illudendosi di trovare in essi l’embrione di novelli Mussolini è roba da far ridere i polli.

Resta quella misteriosa tendenza inconscia a riesumare le salme e a vilipenderle. L’Italia deve ancora fare i conti con il proprio passato. E gli esorcismi del dopoguerra (come le retoriche dell’antifascismo, specie quelle rispolverate sotto campagna elettorale) non bastano più.

CONDIVIDI
Avatar
Nostalgico dei bei tempi andati. Qui si occupa di un po’ di tutto. La sua cifra stilistica è il sarcasmo. Da usare smoderatamente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here