È passato esattamente un mese da quando il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, nel corso della conferenza stampa a margine di una mega-retata contro la malavita organizzata, aveva parlato del “tentativo di far assumere al Gemelli il figlio di uno dei capi del clan mafioso legato alla massoneria”. (leggi qui)

Mentre ci scervellavamo nel tentativo di capire chi fosse stato a gestire la pratica all’interno del Policlinico, ecco che oggi è arrivata una notizia illuminante: il cardiologo Alfonso Sestito, in servizio all’ospedale romano, è stato arrestato dalla Guardia di finanza di Crotone con l’accusa di associazione a delinquere di tipo mafioso, estorsione, abuso d’ufficio.

In poche parole, era il “riciclatore” della cosca Grande Aracri di Cutro. Secondo quanto riporta il Corriere, Sestito “sarebbe stato il terminale economico della famiglia di ‘ndrangheta attraverso una serie di investimenti, di natura imprenditoriale, soprattutto nel campo della ricezione turistica”.

Ora, il sospetto è più che lecito: sarà stato il dottor Sestito a prodigarsi per far assumere al Gemelli il figlio del mafioso-massone? Se così fosse, sarebbe svelato l’arcano e ci metteremmo l’animo in pace. Ma se non fosse stato lui, significherebbe che l’ospedale del Papa – dove di fatto il Papa si guarda bene dal mettere piede – si sta trasformando in un covo della malavita organizzata e pure massonica.

In ogni caso, in attesa che arrivi Gesù a cacciare i mercanti dal tempio, ci accontentiamo del solerte Gratteri.

CONDIVIDI
Guido Paglia
Classe 1947, romano, è giornalista professionista dal 1973. Ha ricoperto l'incarico di Vicedirettore e Capo della Redazione Romana del Giornale durante la direzione di Indro Montanelli e di Direttore della Comunicazione del Gruppo Cirio-Del Monte e della Lazio Calcio con Sergio Cragnotti. Dal 2002 al 2012 ha lavorato in Rai come Direttore Comunicazione, Relazioni Esterne e Rapporti Istituzionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.