Forse, alla fine, non entrerà in forno. Ma solo per la rivolta degli operatori e del sindacato. Perché, l’ultimo “biscotto” partorito dalla fervida fantasia del direttore della Produzione Rai, l’inamovibile Roberto Cecatto e dai suoi degni vice, dirigenti e funzionari di stretta osservanza, è davvero immangiabile: unificare le Riprese Esterne “pesanti” con quelle “leggere”. Che sarebbe come mescolare le pere con le mele.

Perché anche il più sprovveduto dipendente di viale Mazzini, sa benissimo che un conto è riprendere il Festival di Sanremo, un programma di prima serata come “Ballando con le stelle” o seguire una diretta istituzionale e altra cosa è lavorare per “Linea Verde”, “Ulisse” o magari per qualcosa di tipo cinematografico.

Ma per Cecatto e fedelissimi, questo aspetto è invece del tutto trascurabile. Tanto trascurabile da non meritare neppure un confronto con i sindacati. Difatti è subito stato emesso un durissimo comunicato della RSU, che facendosi interprete delle proteste degli vari operatori minaccia fuoco e fiamme se il progetto non verrà subito accantonato.

Non è vero -accusano i sindacati- che tutti possono fare tutto contemporaneamente, specie in strutture così delicate come quelle delle riprese. Questo assurdo progetto di riassetto -aggiungono- di cui si intravvedono solo i tratti più inquietanti, se fosse confermato, non tiene nemmeno conto delle diverse tecnologie utilizzate, sia nella fase di ripresa, in quella tecnica e operaia, sia anche nella mera gestione del personale“.

Ma è possibile che l’inamovibile Cecatto e fedelissimi non abbiano saputo il risultato delle elezioni? Per favore, qualcuno provveda, prima che alla Produzione Rai vengano tentati altri “colpi di coda”.

CONDIVIDI
Guido Paglia
Classe 1947, romano, è giornalista professionista dal 1973. Ha ricoperto l'incarico di Vicedirettore e Capo della Redazione Romana del Giornale durante la direzione di Indro Montanelli e di Direttore della Comunicazione del Gruppo Cirio-Del Monte e della Lazio Calcio con Sergio Cragnotti. Dal 2002 al 2012 ha lavorato in Rai come Direttore Comunicazione, Relazioni Esterne e Rapporti Istituzionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here