È di queste ore l’indiscrezione che cristallizza l’approvazione del correttivo al riordino delle carriere, prevista con molta probabilità venerdì, come l’ennesimo tiro mancino ai danni del personale del comparto Difesa. Un provvedimento che se ne infischia delle richieste pervenute dalle categorie più “deboli” del comparto, i graduati.

Il riordino dei ruoli è atteso da tempo. Molto più di Godot. Ma, a differenza dell’opera teatrale in cui si sa già che non arriverà mai, nel nostro caso la “presa in giro” del provvedimento è quanto di più infimo e subdolo si possa fare: si alimentano le speranze e poi disattenderle.

Tra le altre richieste rispedite al mittente, pare ci sia anche il famoso cambio di nomenclatura dei gradi di cui abbiamo discusso ampiamente da queste colonne. Una norma semplice, lineare, senza sforzi. Nemmeno quella!

Come se non importasse a nessuno, e in primis al ministro Guerini, della difficoltà oggettiva che si ha nel chiamare un graduato con una denominazione che non ridicolizzi l’intero apparato Difesa, in Italia e all’estero.

Eppure il ministro Guerini si era impegnato a sollevare la questione, aveva promesso di interessarsi della faccenda – anche se questo, in teoria, dovrebbe essere il suo impiego specifico: rispondere alle esigenze dei “suoi” ragazzi. Ma lasciamo perdere.

La cosa che lascia un attimo interdetti è che il ministro, durante l’incontro tenutosi con il Cocer, pare abbia chiesto a quest’ultimo di dargli una mano nel sollecitare le commissioni parlamentari affinché accogliessero le osservazioni e le volontà della Rappresentanza militare riguardanti il provvedimento in esame.

Ottenuto il sostegno del Cocer, tangibile nei pareri espressi dalle commissioni, il ministro che fa? Si tira indietro facendo spallucce e lasciando la situazione in uno stato melmoso dal quale sarà difficile uscirne in futuro.

A questo punto sarebbe meglio se il signor ministro Guerini leggesse bene i pareri delle commissioni parlamentari e chiedesse ai suoi tecnici cosa non ci sarà all’interno del provvedimento. Sarebbe opportuno anche che ascoltasse i parlamentari delle commissioni che – forse – hanno un quadro più chiaro dell’intera faccenda e hanno consapevolezza delle puntualizzazioni e delle proposte del Cocer.

In ogni caso, quello che desta maggiore perplessità riguarda proprio alcuni provvedimenti – ovvero le famose norme a costo zero, proprio quelle norme che Guerini aveva chiesto ai Cocer, i quali gliele hanno fornite su di un piatto d’argento – che pare non siano stati inseriti nel suddetto riordino.

E non ci ripeta la solita solfa dei soldi che mancano, della penuria delle risorse e via discorrendo. Questo lo sappiamo benissimo, come siamo capaci di intendere il significato di “interventi a costo zero”. Per chi padroneggia un minimo la propria lingua madre e ha fatto le scuole dell’obbligo sa decifrare che “costo zero” equivale a “senza costo”. Ciò significa che neppure questi provvedimenti voglio essere fatti!

Ministro, lei vuole davvero essere ricordato come il rappresentante della Difesa che non ha tenuto conto del malcontento del personale o peggio ancora come chi non ha avuto la forza e il coraggio di cambiare le cose?

Confidiamo che un uomo delle istituzioni come lei voglia lasciare ai posteri un ritratto più lusinghiero del proprio operato al ministero. Oppure dobbiamo credere che la politica e i loro rappresentanti siano sordi, ciechi e muti ai bisogni dei loro cittadini, per giunta di cittadini che si impegnano giorno dopo giorno in difesa del proprio Paese? Come sempre lasciamo la parola a Lei, affinché intervenga in maniera decisiva.

CONDIVIDI

7 Commenti

  1. Scusate.. È una novità? E da un decennio circa che siamo in un caos totale. Ricorderete il cd “blocco dei contratti “, gli “una tantum” e via discorrendo. La linea ormai è fatta.. Si possono fare i porci comodi solo ed esclusivamente se si hanno giusti agganci nel posto giusto. Noi “truppaglia”, ed intendo da Sottufficiale in giù, siamo davvero con le pezze.. Tranne qualche “protetto”. Cosa pretendete dai cocer? Fanno finta di indignarsi.. Ma poi alla fine si vendono pure il c… Per qualche “contentino”. Scusate la schiettezza ma personalmente la vedo nera…

  2. “Un Governo NON votato dal popolo ITALIANO”… ma perchè vi riempite la bocca con queste frasi fatte senza nemmeno prendervi la briga di studiare la nostra Costituzione. Gli italiano votano i parlamentari, non votano governi. Nessun partito ha ottenuto la maggioranza. Il M5S si è prima alleato con la LEGA (non lo aveva detto in campagna elettorale), il M5S poi si è alleato con il PD (non lo aveva detto in campagna elettorale). Si può fare perchè lo prevede la Costituzione. Invece di stare tutto il giorno sui social che vi rincoglioniscono, usate un po’ del vostro tempo a studiare.

  3. Anonimo… è vero: i cittadini della Repubblica votano i Parlamenti e non i Governi. Tuttavia è altrettanto vero che i Governi esautorano spesso e sempre più spesso il Parlamento legiferando con prepotenza e non tenendo conto dell’indirizzo ricevuto dalle Camere… e nessuno batte ciglio… non se n’è accorto?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.