Resta un mistero il perché, sebbene le pistole elettriche attualmente ritenute idonee per le nostre forze dell’ordine – Taser X2 e Magen5 – siano state valutate positivamente dai ministeri dell’Interno e della Salute, non siano state ancora acquistate per Gdf, Polizia e Carabinieri.

Dalle prove svolte emerge che entrambe le pistole potrebbero causare danni ai portatori di pacemaker o defibrillatori ma soltanto utilizzando la funzione di reiterazione della scossa.

Dunque la scelta migliore dovrebbe ricadere sul Magen5 israeliano che ha a disposizione 5 colpi invece dei due del TaserX2.

Una volta scongiurati eventuali effetti letali su portatori di pacemaker non vi dovrebbero essere più perplessità a riguardo. Senza contare che questa soluzione è già in vigore in tutti i paesi europei.

Sono anni che le forze dell’ordine attendono dotazioni che consentano maggiore efficienza e sicurezza. Non si capisce cosa si stia aspettando.

Poliziotti e carabinieri continuano a subire aggressioni, in situazioni – potenzialmente molto rischiose – che potrebbero essere risolte in poco tempo con l’uso di un Taser. Ma d’altra parte nel nostro Paese non tutti i poliziotti hanno a disposizione un banalissimo spray irritante.

Dunque se questi Taser vanno più che bene per le nostre forze dell’ordine, perché non si procede immediatamente all’acquisto?

Che i nostri operatori di sicurezza ne abbiano bisogno non è un mistero. Lo è il fatto che la situazione non si sblocchi.

“Altri” interessi dietro? Le “solite” logiche lobbistiche da soddisfare? Ne riparleremo alla prossima aggressione ai danni di un carabiniere.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.