Terrorismo islamico? “Presente”. Non si è fatta attendere molto una prima risposta dell’internazionale della jihad ai tanti e scomposti appelli dei leader palestinesi contro il presidente americano Donald Trump e contro la sua decisione di spostare finalmente, come prevede una legge approvata sin dal 1995 da Congresso e Senato Usa, la ambasciata statunitense da Tel Aviv a Gerusalemme. Da oltre sessanta anni capitale dello stato di Israele.

E questo dimostra non solo una contiguità e una continuità ideologica tra Hamas, Isis, hezbollah, cani sciolti vari e quel che resta di Al Qaeda in tutto il globo. Ma anche l’idiozia congenita di tutti quei media occidentali, di qua e di là dell’Oceano Atlantico, che questa risposta terroristica hanno previsto o piuttosto, andrebbe detto, auspicato.

Per non parlar dei politici italiani ed europei, da Federica Mogherini a Emmanuel Macron passando per Paolo Gentiloni, che hanno recitato come al solito la parte dei cosiddetti “utili idioti”. Categoria dello spirito che, dall’11 settembre 2001 a oggi, si è ri–tarata sull’Islam.

Così, ecco un primo raccolto di quel che si è seminato in questi giorni in termini di odio e di fake news contro lo stato di Israele. E contro lo stesso Donald Trump.

CONDIVIDI
Dimitri Buffa
Giornalista di lungo corso sempre in fase di gavetta esistenziale. Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.