Della misteriosa “stazione appaltante”, rigorosamente riservata, messa in piedi dal generale Claudio Graziano nei mesi scorsi non se ne è saputo nulla (leggi qui)

Nonostante le nostre richieste affinché qualcuno ci spiegasse l’entità dei fondi in dotazione a questo misterioso centro di costo e per quale tipo di servizi venissero (e vengano tuttora) utilizzati, tutto è rimasto coperto dal più stretto riserbo.

Ma, a dimostrazione della delicatezza di quell’incarico, siamo venuti a conoscenza del fatto che il suo responsabile, l’ineffabile colonnello Giuseppe Totaro, guarda i casi della vita, è stato premiato: adesso, infatti, è in forza all’Aise, il nostro servizio segreto per l’estero, facente parte del sistema di informazione per la sicurezza dello Stato.

In questo modo, insomma, le informazioni riservate dei nostri eroi saranno messe “in sicurezza”. Quelle sulla stazione appaltante e altre, come la storia di cui si occupò il Fatto quotidiano qualche anno fa (leggi qui). Ma si può?

CONDIVIDI
Guido Paglia
Classe 1947, romano, è giornalista professionista dal 1973. Ha ricoperto l'incarico di Vicedirettore e Capo della Redazione Romana del Giornale durante la direzione di Indro Montanelli e di Direttore della Comunicazione del Gruppo Cirio-Del Monte e della Lazio Calcio con Sergio Cragnotti. Dal 2002 al 2012 ha lavorato in Rai come Direttore Comunicazione, Relazioni Esterne e Rapporti Istituzionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here