Agenzia Spaziale, qualcosa si muove… Male, naturalmente

9
6747

Finalmente, dopo mesi di temporeggiamento, pare che il Mef e il Maeci si apprestino a nominare i due consiglieri di amministrazione mancanti.

Come mai si è lasciato trascorrere tanto tempo? Per poter tenere sotto scacco l’attuale presidente, Giorgio Saccoccia, perché sarebbero bastate le dimissioni di un solo altro esponente del cda per far commissariare l’agenzia.

Saccoccia, però, è talmente debole che fa comodo a tutti. È un dipendente ESA, l’Agenzia spaziale europea, che quindi lo tratta da dipendente. È debole: Fraccaro ordina e lui esegue. È inesperto, così il direttore e altri fanno ciò che vogliono. Quindi può stare lì.

Chi entrerà in Asi? Stanno cercando di trovare una quadra. Servono un uomo e una donna. La donna più sponsorizzata è la bella signorina Giovanna Orlando, pagatissima portavoce e segretaria particolarissima di Nicola Zaccheo, ex uomo fidato di Vito Pertosa, attuale presidente Enac, vero capo di Asi e super consigliere (si sentono quattro volte al giorno) di Giuseppe Conte.

Zaccheo già controlla mezza Asi attraverso Mario Cosmo, chiacchierato direttore tecnico dell’Asi, ex direttore del CIRA. Cosmo è appena stato nominato da Conte in persona, su richiesta (ordine) di Zaccheo, come “esperto senior nel contingente degli esperti dell’Ufficio Sherpa G7/G20, nell’ambito dell’ufficio del consigliere diplomatico della PdC”… cosa strana, avendo il suddetto dei contenziosi con la PA. Però forse i 30mila euro aggiunti dalla nuova posizione potranno servirgli per restituire le contestazioni della Corte dei conti per l’operato in Asi.

Purtroppo lo spazio italiano e le centinaia di milioni stanziati, sono gestiti da queste persone e dall’esperto Fraccaro. Il sottosegretario del M5S si è infatti circondato della feccia del settore e, non contento dei danni in Italia, dopo essersi intromesso personalmente nella gestione di Leonardo e aver fatto cacciare l’Ad di TAS, ora cerca di piazzare un altro “mostro” in ESA. Ha candidato l’astrofisica Simonetta Di Pippo che da Esa era stata “allontanata” anni fa dopo aver dato prove non brillanti. Insomma un disastro per l’Italia ma grandi affari per gli amici degli amici, le amiche del cuore e gli adulatori.

CONDIVIDI
Avatar
Nostalgico dei bei tempi andati. Qui si occupa di un po’ di tutto. La sua cifra stilistica è il sarcasmo. Da usare smoderatamente.

9 Commenti

  1. Egregio,
    Ho apprezzato il suo taglio sarcastico su un tema dove ho profuso molte energie….ritiene percorribile un contatto in modo riservato?

  2. Purtroppo, nulla di concreto, nel senso che … non ci sono riportati fatti. L’unico fatto, mi pare, riguarda Simonetta Di Pippo, la quale sarà anche stata “allontanata” dall’ESA, ma in realtà se ne è andata solo per assumere la Direzione dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari dello spazio extra-atmosferico con sede a Vienna: per intenderci, il suo superiore diretto era … il Segretario Generale dell’ONU! Non precisamente un’incompetente, mi pare!

  3. Grazie al sarcasmo finalmente uno squarcio nel velo dell’ipocrisia imperante e leggiamo cose vere sul (miserevole) stato e conduzione dello spazio italiano. Che tristezza questo spreco di denaro pubblico. A quando un approfondimento su quanto veramente guadagni il “debole” Saccoccia e se e dove paghi le tasse ? Simonetta Di Pippo non ha lasciato l’ ESA per andare all’ ONU: dopo l’ “allontanamento” dell’ ESA è stata parcheggiata per vari anni a Brussell pagata dall’ ESA su richiesta dell’ ASI. E un approfondimento sulle competenze spaziali o, piuttosto, sulle raccomandazioni necessarie per entrare a far parte della corte dei miracoli che circonda Fraccaro e Massagli a Palazzo Chigi?

  4. Sinceramente mi sembrano pettegolezzi più che sassate. Senza fatti concreti. Qualcosa di vero ma difesa ad oltranza del passato poco glorioso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.