Conte ha autorizzato la vendita delle due FREMM all’Egitto

4
11652

Zitto, zitto, Giuseppe Conte ha dato via libera alla cessione all’Egitto delle due Fremm (fregate europee multi missione) “Spartaco Schergat” ed “Emilio Bianchi”. Lo ha comunicato lo stesso premier al presidente Al Sisi nel corso della telefonata di ieri, che aveva al centro la sempre più complicata situazione libica. Malgrado i dubbi relativi alla scarsa collaborazione egiziana sul tragico “caso Regeni”, ha vinto dunque la scelta geopolitica di rinforzare il più importante interlocutore italiano dell’area nordafricana, anche a costo di sacrificare le ultime due Fremm destinate alla Marina Militare. Che ora si trova con tante belle promesse di “risarcimento”, ma senza alcun impegno contrattuale scritto da parte di Fincantieri. Soprattutto per quanto riguarda il dettaglio ed i costi dell’eventuale ristoro. D’altra parte, Conte si era da tempo fatto mettere con le spalle al muro, gestendo la trattativa in piena autonomia, grazie alle iniziative del suo consigliere militare, l’ammiraglio Carlo Massagli (che ora aspirerebbe a diventare vice-direttore dell’AISE). E suscitando varie perplessità all’interno del M5S e della stessa Commissione di Montecitorio sull’omicidio Regeni. Tanto è vero che lo stesso ministro degli Esteri, Di Maio, ha scelto di restare fuori dalla trattativa. A differenza del suo collega della Difesa, Guerini, che la settimana scorsa aveva invece dato via libera alla cessione delle due Fremm.

CONDIVIDI
Guido Paglia
Classe 1947, romano, è giornalista professionista dal 1973. Ha ricoperto l'incarico di Vicedirettore e Capo della Redazione Romana del Giornale durante la direzione di Indro Montanelli e di Direttore della Comunicazione del Gruppo Cirio-Del Monte e della Lazio Calcio con Sergio Cragnotti. Dal 2002 al 2012 ha lavorato in Rai come Direttore Comunicazione, Relazioni Esterne e Rapporti Istituzionali.

4 Commenti

  1. Illustre direttore personalmente penso sia una opportunità per tutti. Per finmeccanica a livello industriale, per l’Italia a livello geopolitico, per la MM a livello di flotta. Le fremm non hanno mai entusiasmato. Poco armate e persino brutte, frutto di compromessi coi francesi, sono già un poco datate.
    Magari nel 2026 arrivano 2~4 FFGX. Ma magari non arriva nulla con la crisi che tira. Forse 2 nuove ppa full.
    Cordialmente

  2. ho letto l’articolo dell’Amm. De Giorgi e credo che se ci fosse stato lui tutto questo non sarebbe accaduto. L’ho conosciuto anni fa lui si sarebbe seduto a tavolino con Fincantieri e l’avrebbe spuntata.

  3. tanto non le avremmo mai impiegate queste due fregate, belle o brutte o vecchie o nuove che fossero.
    Inoltre se non gliele avessimo vendute noi lo avrebbe fatto qualcun altro. Tutto sommato va bene così.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.